Dal Mondo/ Dolci/ Ricette/ Tea Time/Colazione e Merenda

Kaiserschmarrn con composta di rabarbaro


Domenica è in genere giornata di cucina estrema, specialmente di cose al forno. Mah sì, già che è acceso facciamo una torta e perchè no, due, un paio di pizze, delle patate arrosto, due carote, dei biscotti e poi forse basta perchè ho esaurito le teglie. Se poi contiamo che è tornato l’inverno a maggior ragione è meglio lasciarlo acceso ‘sto forno! E mentre vi scrivo guardo i 30 cm di neve che sono scesi ieri sciogliersi e tutta la devastazione che hanno lasciato 🙁 Spero che le piante di lamponi reggano e che il rabarbaro si riprenda, altrimenti come faccio a fare la deliziosa composta che vedete qui??? Beh oggi per tirarci su il morale vi propongo un classico austriaco, la Kaiserschmarrn, con ricetta presa dalla bibbia della cucina locale “Die gute Kueche”. Guardando la ricetta  mi accorgo che tra l’altro è un po’ la cugina della fluffosa! Vi avviso, è veramente una nuvoletta di bontà ma di certo non vi terrà lo stomaco pieno per molto, ma poco importa, è una gioia per il palato 😀

kaiserschmarren_01

 

COMPOSTA DI RABARBARO semplicissima

200 g rabarbaro tagliato a tocchetti
40 g zucchero
2 cucchiai di miele di acacia Mielizia
2 cucchiaini di estratto alla vaniglia

Mettete tutto in una pentola e cuocete a fuoco medio fino a quando il rabarbaro sarà morbido. Mettete da parte.

rubarb_compot_01

KAISERSCHMARRN (per 4 persone)

3 uova, albumi e tuorli separati

1 cucchiaio di panna

1 cucchiaio di uvetta

2 cucchiai di zucchero

30 g di farina

scorza di un limone

2 cucchiaini estratto di vaniglia

1 presa di sale

50 g di burro

 

Montate gli albumi e neve ferma insieme allo zucchero e il sale. In un’altra ciotola mischiate bene i tuorli, la panna, l’estratto di vaniglia, la scorza di limone e la farina fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

Preriscaldate il forno a 200 gradi.

Fate sciogliere il burro in un padellino e versatelo in una pirofila (io ne ho usata una di misure 23×15), distribuite l’uvetta sul burro. Unite gli albumi montati e l’impasto con i tuorli con movimenti dall’alto verso il basso fino a quando saranno ben amalgamati. Trasferite l’impasto nella pirofila e infornate. Cuocete per una decina di minuti e fate il test dello stecchetto, se esce fuori pulito la vostra Kaiserschmarrn è pronta 🙂

kaiserschmarren_03

Servitela con la composta di rabarbaro ancora tiepida e, se proprio vi volete coccolare come si deve, con un cucchiaio di panna montata!

kaiserschmarren_04

You Might Also Like

6 Comments

  • Reply
    Alessandra
    April 28, 2016 at 16:08

    Mmmmhh! Si vede proprio che è super fluffy! Bellissima la torta e stupenda la composta. Chissà, se mai troverò il rabarbaro potrei provarla 😀
    Brava amica, ci piace tutto di questo post, anche le foto con lo sfondo speciale <3 <3

    • Reply
      marziabalza
      April 28, 2016 at 16:11

      Guardalo bene quello sfondo che tra un paio di settimane non ci sarà piùùùù! Dovrò trovargli un’altra collocazione! E non temere, sono sicura che quando meno te lo aspetti troverai il rabarbaro al mercato <3

  • Reply
    lisa fregosi
    April 29, 2016 at 9:02

    Che torta invitante Marzia!
    Il rabarbaro sta crescendo nell’orto della mia amica… appena è pronto me ne faccio dare un po!!
    Bacioni

    • Reply
      marziabalza
      May 4, 2016 at 8:22

      Grande Lisa, poi non ne potrai piú fare a meno <3 <3

  • Reply
    Chiara
    May 3, 2016 at 19:46

    La torta è carinissima Marzia, mi ispira un sacco, ma quello che più di tutto sto guardando con occhi a cuoricino è quella fantastica composta di rabarbaro homemade!!! Sono molto invidiosa, da me il rabarbaro proprio non si trova…quest’anno ho provato a coltivarlo, ma è ancora troppo presto per raccoglierlo e assaggiarlo 🙁 ti abbraccio, buona serata!

    • Reply
      marziabalza
      May 4, 2016 at 8:22

      Ciao Chiaretta! Eh sí al rabarbaro piacciono le basse temperature e se lo coltivi da zero ci va un po’ prima di poterlo raccogliere…il mio era giá attivo in giardino, sono stata fortunata! Magari qualche fruttivendolo “alternativo” ce l’ha, tieni gli occhi aperti! 😉 un abbraccio!

    Leave a Reply

    %d bloggers like this: